In uscita: “Lost Tales: Sword and Sorcery” n.2 (anche cartaceo)

LT_02

 

“Ecco la fantasmagorica copertina di Lost Tales: Sword&Sorcery 2, ancora una volta scaturita dalla mirabile mano di Vincenzo Pratticò. Abbastanza epico per i vostri gusti?

All’interno troverete diverse illustrazioni di un’altra giovane e talentuosa artista, Sabrina Normani. È piccina ma agguerrita, e sentiremo parecchio parlare di lei.

Per quanto riguardo i saggi e i racconti, date un’occhiata ai nomi e ai titoli.

Giorgio Smoiver ci propone un intrigante saggio su Ladri, Eroi e Maghi nella letteratura fantastica, mentre Zeno Saracino ci parla di William Morris, un gigante (fantasy) dimenticato.

Sul fronte narrativa, vi avevamo promesso che ci sarebbe stato ancora Lin Carter, ed eccolo, con una nuova avventura di Thongor.

Tornano anche Andrea Berneschi, Federica Soprani e Emanuele Corsi, ciascuno con un nuovo episodio delle rispettive serie che già avete potuto apprezzare nel numero 1.

A quando un crossover?…

E poi due new entry, Maikel Maryn e Petra del Lago. Sul loro contributo non vi diciamo nulla, è una sorpresa!

Che altro dirvi? Noi ci siamo dati da fare per confezionarvi questo gioiellino. Stiamo anche ricopiando il tutto a mano, in svariate copie, per assicurarvi la versione cartacea.

EBBENE SÌ, C’È ANCHE CARTACEO, PER CROM!!

Occhi aperti, quindi, e nervi saldi.
Lost Tales: Sword&Sorcery 2 sta arrivando.

E poi dite che non vi avevamo avvertito”.

Annunci

Lo Sgargabonzi legge testi della Scenicchia Fiorentina (e di Andrea Berneschi)

scenicchia

 

“Firenze, città di Cosimo De’ Medici, di Modigliani, del Risorgimento, dei “carrugi”, del MacFlurry alla vaniglia del Mac davanti alla stazione, del festival letterario Torino Una Sega, di questa bicicletta che mi passa davanti ora, delle statuette metereologiche a forma di torre pendente, della carta che le avvolge, della scatolina, della busta in cui te la mettono e culla della nascente scena culturale, hipster sì, ma nel bene.
Lo Sgargabonzi per una volta si mette da parte e vestirà i panni di mero servo ed espositore Guzzini in vetroresina per le opere dei migliori nuovi scrittori toscani, da Magini a Pedani, spero anche da Santoni se mi fa avere un pezzo, passando per Berneschi, D’Isa, Lisi, Bitetto, Ghezzi, Merlini e molti altri tra cui il simpatico, folkloristico Dante Alighieri in versione spray.
A cornice del tutto, inediti dello Sgargabonzi a tema letterario”.

 

Questa la pagina Facebook dell’evento.

Ultime uscite: “Folklore” edito da Watson Edizioni!

 

Folklore_Cover

 

FOLKLORE. Antologia fantastica sul folklore italiano ideata da Alessandro Iascy e curata in collaborazione con Alfonso Zarbo.

Venti regioni, venti racconti che ripercorrono tra leggenda e realtà le radici del Nuovo Fantasy Italiano.

Un tempo i vecchi raccontavano storie ai nipoti davanti al fuoco. Ma Folklore non è un libro per bambini: è un grimorio maledetto, che ci piace immaginare riscoperto dopo tanti anni magari proprio sotto qualche brace. Un’impresa di folli che hanno scovato resoconti di diavoli e streghe e sortilegi infami. Di assassini e orrori sconcertanti.
Venti fiabe dannate intorno alle quali, forse, persino il buio un poco indietreggia.

Contiene un Bestiario illustrato da Pietro Rotelli Art Page. Copertina di Vincenzo Pratticò – Artworks
A impreziosire l’antologia i saggi di Lavinia Scolari e Lavinia Pinello. Heroic Fantasy Italia e Watson edizioni

PUGLIA – SAMPIR Donato Altomare

CALABRIA – OMBRE Caterina Armentano

SARDEGNA – SORREJUSTA Andrea Atzori

TOSCANA – LA GALORCIA Andrea Berneschi

EMILIA-ROMAGNA – È UN MONDO OSCURO Angelo Berti

VENETO – IL SIGÀR DEL BOSCO Davide Camparsi

PIEMONTE – LA VERA STORIA DI PIETRO MICCA Maurizio Cometto

MOLISE – RU CIERVE Enzo Conti

ABRUZZO – LA NOTTE DI SAN GIOVANNI Luigi De Pascalis

UMBRIA – SUPER ASPIDEM ET BASILISCUM AMBULABIS Cristiano Fighera

MARCHE – TOC-TOC Alessandro Forlani

CAMPANIA – LA PESTE DI NAPOLI Andrea Gualchierotti

FRIULI VENEZIA GIULIA – IL DONO DELLA BENANDANTE Annarita Guarnieri

VALLE D’AOSTA – IL VESCOVO E IL DIAVOLO Alberto Henriet

SICILIA – LUPI OMINARI E DONNE DI FORESTA Mauro Longo

LAZIO – OCCHIÒ E U LENGHELU Adriano Monti-Buzzetti

BASILICATA – GLOSSA TYCHE, GLOSSA DAIMON Loredana Pietrafesa
TRENTINO ALTO ADIGE – DANZA MACABRA Fabiana Redivo

LIGURIA – IL TESORO DELLO SPETTRO Yuri Zanelli

LOMBARDIA – E FINE DELLA STORIA Alfonso Zarbo

Runneapolis recensisce “Necroniricon” e “Kaiju Delicatessen”!

 

necroniricon

 

Fabio R. Crespi trova ancora tempo per parlare (bene) dei miei libri, e per questo non posso che ringraziarlo.

Kaiju Delicatessen: “Una lettura che ci si aspetta movimentata, catastrofica e leggera, come i film sui kaiju che tutti abbiamo visto, ma che riesce a sorprendere per il modo originale con cui viene trattato l’argomento”.

Necroniricon: “Ci troviamo quindi alle prese con zombie e alieni, con incubi di folk splatter horror e inquietudini postumane, con prospettive ribaltate e surreali e con fiabe frattali. Andiamo indietro e avanti nel tempo ma, nelle storie, ritroviamo tutti i problemi del nostro quotidiano”.

 

Qui l’articolo completo.

Andrea Viscusi recensisce “Levitazione”!

 

Levitazione_Cover1

 

Qui , sul blog Unknown to Millions, il grande Andrea Viscusi parla bene di “Levitazione – Una guida pratica“!

“Levitazione è la storia di un ragazzo con il potere di volare. Forse. Non è chiaro e non lo sapremo mai. Ma il superpotere in sé non è il punto focale della storia, quindi non ci importa.
Il presente narrativo è un’Italia di pochi anni successiva al nostro presente, diventata a tutti gli effetti un regime totalitario e repressivo. Il protagonista viene catturato proprio in quanto dissidente, per aver diffuso volantini contro il governo, e dal suo interrogatorio ci viene presentata la sua storia.
[…] non vuole essere un monito, non sta dicendo “attenzione stiamo andando da questa parte”: piuttosto, si preoccupa di indicare le cause di questa percepibile deriva, e in tal senso l’ho trovata una lettura molto più sorprendente e illuminante di quanto pensavo.
Raccontandoci il passato del protagonista, che si muove da adolescente e ragazzo tra scuola, serate al bar e vacanze a Riccione, vediamo davvero quei momenti di quotidianità che in prospettiva si rivelano determinanti. Berneschi qui non si limita a indicare il problema e lamentarsi di quanto sono cattivi loro, ma ti fa capire che è anche colpa tua. A tal fine è molto interessante vedere anche, per un paio di capitoli, la prospettiva di uno dei “cattivi”, il tipico agente della polizia politica che fa solo il suo lavoro, e questa visione è una delle più illuminanti all’interno della storia.
[…] Per questo, per quanto breve, Levitazione è un testo molto denso e profondo”.

Sgargabonzi legge Berneschi!

 

consob interiore

 

Questa sera, 13 Novembre 2018, lo scrittore Alessandro Gori a.k.a. “Lo Sgargabonzi leggerà presso l’Apollo Club, Via Giosuè Borsi, 9/2, Milano (tra le altre cose) alcuni miei racconti.

Questo il link dell’evento su Facebook.

sgargabonzijpg

Alessandro Gori nasce ed abita ad Arezzo.
Dal 2005 cura il famigerato blog Lo Sgargabonzi, una pagina dai contenuti provocatori, umorismo nero pece e popolata da personaggi tragicomici. Nel 2013 Lo Sgargabonzi diventa anche una pagina Facebook (www.facebook.com/sgargabonzi).
Nello stesso anno esordisce in libreria con “Le avventure di Gunther Brodolini”, un romanzo di formazione atipico e psichedelico, una sorta di Gian Burrasca del dopobomba. Nel 2014 è uscito il suo secondo libro, “Bolbo”, scritto insieme all’amico Gianluca Cincinelli, a cui ha fatto seguito “Il problema purtroppo del precariato” l’anno successivo. Ha pubblicato articoli di satira e fumetti su Linus e su Pixarthinking. Definito su Internazionale “il miglior scrittore comico italiano” in un lungo articolo di Claudio Giunta e poi al centro di un’invettiva in un’intervista di Daniele Luttazzi.
A settembre 2018 è uscito il suo nuovo libro per Minimum Fax: “Jocelyn uccide ancora”. Negli ultimi cinque anni ha portato in giro per l’Italia il suo spettacolo “Lo Sgargabonzi Live!”.
Le sue passioni sono i giochi da tavolo, il brit pop e i fumetti bonelliani.